Scatena la potenza di Linux con i migliori programmi per terminali

Quando si parla di Linux si parla spesso del suo terminale e che, oggi, è un sistema operativo molto facile da usare e molto intuitivo grazie ai suoi desktop e window manager. Tuttavia, la vera potenza di Linux si trova al di sotto di tutto questo, nella sua modalità testo, nella Shell. È qui che vengono eseguiti tutti i compiti avanzati per la configurazione e il controllo del sistema operativo. Anche se chiunque può usare Linux senza scrivere un solo comando, se vogliamo configurarlo a nostro piacimento e farlo funzionare perfettamente dovremo passare attraverso il terminale, sì o no.

Il terminale Linux , noto anche come TTY, è il programma attraverso il quale si accede alla shell per eseguire comandi Linux nella distro. E la shell più usata in Linux e UNIX è Bash. In generale sarebbe lequivalente di CMD o PowerShell in Windows, un ambiente di input e output in modalità testo da cui si può avere un controllo totale sul sistema operativo.

Non confondere il terminale, o TTY, con la console . La console di un sistema operativo è sempre un terminale fisico collegato direttamente al computer tramite una porta console per lamministrazione. Il terminale è sempre qualcosa di logico che controlliamo dal sistema operativo stesso. Né questo termine deve essere confuso con Shell, che, come spiegato, è la conchiglia.

Anche se ogni distro di solito ha il proprio terminale (di solito a seconda del desktop che utilizza), qui sotto vedremo quali sono i migliori emulatori TTY che possiamo installare e utilizzare in Linux.

Terminale GNOME

Questo è uno degli emulatori TTY più conosciuti e più utilizzati nellintero ecosistema Linux. Questo perché è il terminale predefinito installato sui desktop GNOME, e questo è probabilmente il desktop più utilizzato in questo ecosistema. È il desktop Ubuntu di default.

GNOME Terminal è un TTY abbastanza semplice rispetto ad altre alternative, ma fa il suo lavoro perfettamente. È veloce, leggero e ha una storia dei comandi molto completa, oltre a funzioni di auto-completamento e la possibilità di aprire più terminali in schede. È anche altamente personalizzabile e supporta comandi colorati.

Questo terminale è installato di default su tutte le distribuzioni Linux con un desktop GNOME. Ma se non lo facciamo, o se usiamo un desktop diverso, possiamo installarlo manualmente con il seguente comando:

sudo apt installare gnome-terminal

Terminatore

Terminator è stato creato con lintenzione di essere il terminale definitivo per ogni utente Linux. Questo progetto si ispira ad altri terminali e implementa le loro migliori funzioni e caratteristiche in un modo che chiunque può utilizzare.

Tra le sue migliori caratteristiche possiamo evidenziare la possibilità di dividere la finestra in pannelli, e in ognuno di essi aprire un terminale diverso, il supporto per le schede, la possibilità di ordinare i terminali tramite trascinamento, un gran numero di scorciatoie da tastiera, la possibilità di scrivere in più terminali contemporaneamente e il supporto per salvare le configurazioni.

Questo terminale viene fornito di default anche nella maggior parte dei repository Linux. Possiamo installarlo con il seguente comando:

sudo apt installare terminator

XTerm

Xterm è lemulatore di terminale più popolare che possiamo trovare. Anche più di GNOME Terminal. Questo è il terminale che viene installato di default in X Window Manager. Un TTY molto semplice ma allo stesso tempo potente e molto leggero. Unopzione che sappiamo che non ci deluderà mai e che avremo sempre a disposizione.

Se non lo abbiamo installato nella nostra distro, possiamo installare questo terminale eseguendo il seguente comando:

sudo apt install xterm

Konsole

Così come GNOME Terminal è il desktop GNOME, Konsole è lemulatore predefinito per i sistemi KDE. Anche se è un TTY relativamente semplice, ha un grande potenziale. Oltre a una serie di opzioni di personalizzazione, dispone anche di un supporto per le schede e di un supporto per i segnalibri per facilitare il lavoro degli utenti. Il suo principale svantaggio, come spesso accade con i programmi KDE, è che sono più pesanti e lenti e consumano più risorse.

Le distro KDE vengono fornite con questo terminale installato di default. Se non usiamo KDE, possiamo installarlo con il seguente comando (anche se dovremo scaricare molte dipendenze di KDE, quasi 500 MB):

sudo apt install konsole

Tilda

Tilda è un emulatore di terminale che, a differenza delle opzioni precedenti, non si comporta come una finestra, ma piuttosto come un “plug-in” che viene inserito nella finestra. Possiamo usare una scorciatoia da tastiera per posizionare questa finestra dove vogliamo, ad esempio, sempre visibile in un angolo dello schermo, ed essere in grado di utilizzarla quando ne abbiamo bisogno senza dover aprire nessun altro programma.

Oltre al suo particolare comportamento, Tilda è un terminale che ci permette di configurare dallaspetto alle sue scorciatoie da tastiera, così gli utenti più abituati a controllare Linux dal terminale possono trovare in questo terminale un grande alleato.

Possiamo installare questo terminale sulla maggior parte delle distribuzioni Linux con il seguente comando:

sudo apt install tilda

rxvt

urxvt è un altro popolare emulatore di terminale tra gli utenti avanzati, specialmente quelli che usano desktop alternativi a GNOME e KDE. Tra le sue caratteristiche principali cè il fatto che è un terminale molto, molto leggero ma senza tralasciare la personalizzazione e la configurazione. Ha anche molte caratteristiche aggiuntive, come il drag and drop, che gli conferiscono un valore aggiunto.

Questo terminale è incluso nei principali repository delle distro Linux, e possiamo installarlo con il seguente comando:

sudo apt install rxvt-unicode

LilyTerm

Gli utenti che sono alla ricerca di un emulatore di terminale leggero e ricco di funzionalità, uno di quelli che dovrebbero assolutamente provare è LilyTerm. Questo TTY usa le librerie libvte (quindi non dobbiamo installare un intero desktop per usarlo) e dispone di un terminale a bassissime risorse, con supporto per schede, schemi di colore, supporto per collegamenti ipertestuali, supporto a schermo intero e molto altro ancora.

Possiamo installare questo terminale eseguendo

sudo apt installare lilyterm

Sakura

Sakura è un altro terminale simile che usa solo le librerie GTK e VTE, quindi possiamo installarlo e usarlo senza problemi senza dover installare GNOME, KDE o qualsiasi altro desktop completo. Tra le sue caratteristiche possiamo evidenziare un TTY con pochissime dipendenze, oltre ad essere leggero e pieno di funzioni. Una boccata daria fresca per chi cerca qualcosa di diverso.

Possiamo installare questo terminale in qualsiasi distribuzione Linux in esecuzione:

sudo apt installare sakura

Guake

Questo terminale è simile a Tilda per molti aspetti. Ma senza dubbio il suo punto di forza principale è linterprete Python, grazie al quale ogni utente può aggiungere le funzioni e le caratteristiche di cui ha bisogno per lavorare.

Tra le sue caratteristiche principali possiamo sottolineare che ci troviamo di fronte ad un terminale molto leggero, semplice da usare ed elegante nellaspetto. Possiamo lanciare il TTY con una chiave e chiuderlo direttamente con unaltra chiave quando abbiamo finito di usarlo. Trasparenze, schede, opzioni di personalizzazione avanzate e molto altro ancora danno forma ad uno degli emulatori terminali più completi.

Questo terminale viene fornito nella maggior parte dei repository Linux, quindi possiamo installarlo eseguendolo:

sudo apt installare guake

Eterm

Questo emulatore di terminale è di solito una delle opzioni preferite dagli utenti che, dopo aver usato XTerm, cercano qualcosa di più completo senza perdere lessenza di questo emulatore. Un terminale molto semplice, veloce e leggero ma con più funzioni di suo fratello, ideale per chi cerca sempre di fare un passo avanti.

Possiamo installare questo emulatore di terminale sul nostro computer eseguendo

sudo apt installare eterm

ROXTerm

ROXTerm è un altro terminale molto leggero e personalizzabile. Come Sakura, questo terminale dipende dalle librerie VTE, quindi installarlo nella distribuzione non implica la necessità di installare un desktop completo. Per molti utenti di GNOME Terminal è unottima alternativa poiché, oltre a mantenere la sua essenza, ha molte più opzioni di personalizzazione e configurazione, ideale per gli utenti avanzati.

Questo terminale è disponibile per tutti gli utenti Linux in tutti i principali repository in esecuzione:

sudo apt install roxterm

Articoli relativi a Scatena la potenza di Linux con i migliori programmi per terminali