Non perdete i vostri dati a causa di un attacco ransomware con Windows Defender

Quando si installa Windows 10, limpostazione predefinita è quella di attivare Windows Defender , lantivirus di Microsoft, che proteggerà il computer dalle minacce che si nascondono su Internet. Questo antivirus, nonostante sia gratuito, è diventato uno dei migliori antivirus che possiamo installare per proteggere Windows 10, offrendoci una protezione eccezionale contro tutti i tipi di minacce. Tuttavia, Microsoft ha nascosto diverse funzionalità avanzate allinterno del suo antivirus che ci permetteranno di essere ancora più sicuri su Internet. E una di queste caratteristiche è il modulo di protezione ransomware.

Il ransomware, per chi ancora non lo sa, è il tipo di malware più pericoloso che possiamo trovare oggi. Quando questo malware infetta un computer, trova automaticamente tutti i dati personali (foto, video, documenti, ecc.) della vittima, li codifica e cancella gli originali in modo che non possano essere recuperati. Una volta fatto questo, chiede alla vittima di pagare una grossa somma di denaro. E se non viene effettuato alcun pagamento, i dati non possono essere recuperati.

Windows Defender ha un modulo (disabilitato di default) che ci permette di proteggere le cartelle da modifiche non autorizzate. In questo modo, se un ransomware cerca di criptare i dati in quella cartella, non solo non ci riuscirà, ma richiamerà la nostra attenzione e potremo intervenire prima che sia troppo tardi.

Come attivare il controllo della cartella Windows Defender

Per attivare questa misura di sicurezza, la prima cosa che faremo è aprire la finestra principale di Windows Defender. Qui entreremo nella sezione ” Protezione da virus e minacce “, seguita da ” Gestisci le impostazioni ” e localizzeremo la sezione ” Accesso alla cartella di controllo “.

Allinterno di questa sezione troveremo un interruttore generale che ci permetterà di attivare o disattivare questa misura di sicurezza con un click.

Se lo attiviamo, Windows Defender si riavvia automaticamente e inizia a controllare le nostre cartelle personali. Ogni volta che un programma cerca di apportare modifiche non autorizzate a queste cartelle si blocca e noi vediamo il messaggio di errore corrispondente.

Tuttavia, questa misura di sicurezza richiede una configurazione di base se non vogliamo avere problemi.

Come impostare la protezione antivirus ransomware di Windows 10

Attivando questa opzione si sarà visto che sono apparse 3 nuove opzioni. Il primo di questi sarà lo storico dei lucchetti . In questa sezione potremo vedere tutti i tentativi non autorizzati di modificare le cartelle selezionate che sono state bloccate dallantivirus.

La seconda opzione è cartelle protette . Qui possiamo vedere un elenco di tutte le cartelle che si trovano nellelenco dei programmi e per le quali nessun programma non autorizzato può effettuare impostazioni. Solo le cartelle selezionate saranno protette.

E infine abbiamo la lista delle applicazioni consentite . Qui saremo in grado di specificare quali applicazioni o processi possono o non possono apportare modifiche a queste cartelle. Qualsiasi applicazione non presente nellelenco non sarà in grado di modificare le cartelle protette nellelenco di cui sopra.

Possiamo facilmente aggiungere nuove applicazioni consentite manualmente, dal vostro percorso, o dallelenco delle applicazioni recentemente bloccate, per rendere tutto molto più semplice.

Articoli relativi a Non perdete i vostri dati a causa di un attacco ransomware con Windows Defender